kagablog

December 21, 2017

Filed under: blogging,corpses,garbage — ABRAXAS @ 12:42 pm

Screen Shot 2017-12-21 at 12.41.46 PM

November 6, 2014

good art is beautiful detritus

July 28, 2014

blocked again

Filed under: blogging,censorship — ABRAXAS @ 12:23 pm

0

December 27, 2013

walter benjamin predicts the blogging phenomenon in 1936

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 5:35 am

0930.jpg
For centuries a small number of writers were confronted by many thousands of readers. This changed toward the end of the last century. With the increasing extension of the press, which kept placing new political, religious, scientific, professional, and local organs before the readers, an increasing number of readers became writers – at first, occasional ones. It began with the daily press opening to its readers space for “letters to the editor.” And today there is hardly a gainfully employed European who could not, in principle, find an opportunity to publish somewhere or other comments on his work, grievances, documentary reports, or that sort of thing. Thus, the distinction between author and public is about to lose its basic character. The difference becomes merely functional; it may vary from case to case. At any moment the reader is ready to turn into a writer.

October 9, 2013

love letters: an exemplary blog

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 10:16 pm

0

read them here: http://lovelettersjournal.blogspot.com/

June 6, 2012

on internet censorship

The Internet treats censorship as a malfunction and routes around it. – John Perry Barlow

December 19, 2011

china muzzles bloggers

Filed under: blogging,censorship — ABRAXAS @ 4:52 pm

November 22, 2011

mind in vegas

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 6:52 am

October 30, 2011

censorship in amsterdam!

Filed under: art,blogging,censorship,illuseum — ABRAXAS @ 11:44 am

read all about it here: http://laquintaessentia.wordpress.com/

July 18, 2011

News Sites Rethink Anonymous Online Comments

Filed under: blogging,jean-pierre de la porte,new media politics (k3) — ABRAXAS @ 11:35 am

Minh Uong/The New York Times
By RICHARD PÉREZ-PEÑA

From the start, Internet users have taken for granted that the territory was both a free-for-all and a digital disguise, allowing them to revel in their power to address the world while keeping their identities concealed.

When news sites, after years of hanging back, embraced the idea of allowing readers to post comments, the near-universal assumption was that anyone could weigh in and remain anonymous. But now, that idea is under attack from several directions, and journalists, more than ever, are questioning whether anonymity should be a given on news sites.

The Washington Post plans to revise its comments policy over the next several months, and one of the ideas under consideration is to give greater prominence to commenters using real names.

The New York Times, The Post and many other papers have moved in stages toward requiring that people register before posting comments, providing some information about themselves that is not shown onscreen.

The Huffington Post soon will announce changes, including ranking commenters based in part on how well other readers know and trust their writing.

“Anonymity is just the way things are done. It’s an accepted part of the Internet, but there’s no question that people hide behind anonymity to make vile or controversial comments,” said Arianna Huffington, a founder of The Huffington Post. “I feel that this is almost like an education process. As the rules of the road are changing and the Internet is growing up, the trend is away from anonymity.”

The Plain Dealer of Cleveland recently discovered that anonymous comments on its site, disparaging a local lawyer, were made using the e-mail address of a judge who was presiding over some of that lawyer’s cases.

That kind of proxy has been documented before; what was more unusual was that The Plain Dealer exposed the connection in an article. The judge, Shirley Strickland Saffold, denied sending the messages — her daughter took responsibility for some of them. And last week, the judge sued The Plain Dealer, claiming it had violated her privacy.

The paper acknowledged that it had broken with the tradition of allowing commenters to hide behind screen names, but it served notice that anonymity was a habit, not a guarantee. Susan Goldberg, The Plain Dealer’s editor, declined to comment for this article. But in an interview she gave to her own newspaper, she said that perhaps the paper should not have investigated the identity of the person who posted the comments, “but once we did, I don’t know how you can pretend you don’t know that information.”

Some prominent journalists weighed in on the episode, calling it evidence that news sites should do away with anonymous comments. Leonard Pitts Jr., a Miami Herald columnist, wrote recently that anonymity has made comment streams “havens for a level of crudity, bigotry, meanness and plain nastiness that shocks the tattered remnants of our propriety.”

No one doubts that there is a legitimate value in letting people express opinions that may get them in trouble at work, or may even offend their neighbors, without having to give their names, said William Grueskin, dean of academic affairs at Columbia’s journalism school.

“But a lot of comment boards turn into the equivalent of a barroom brawl, with most of the participants having blood-alcohol levels of 0.10 or higher,” he said. “People who might have something useful to say are less willing to participate in boards where the tomatoes are being thrown.”

He said news organizations were willing to reconsider anonymity in part because comment pages brought in little revenue; advertisers generally do not like to buy space next to opinions, especially incendiary ones.

The debate over anonymity is entwined with the question of giving more weight to comments from some readers than others, based in part on how highly other readers regard them. Some sites already use a version of this approach; Wikipedia users can earn increasing editing rights by gaining the trust of other editors, and when reviews are posted on Amazon.com, those displayed most prominently are those that readers have voted “most helpful” — and they are often written under real names.

Hal Straus, interactivity editor of The Washington Post, said, “We want to be able to establish user tiers, and display variations based on those tiers.” The system is still being planned, but he says it is likely that readers will be asked to rate comments, and that people’s comments will be ranked in part based on the trust those users have earned from other readers — an approach much like the one The Huffington Post is set to adopt. Another criterion could be whether they use their real names.

But experience has shown that when users help rank things online, sites may have to guard against a concerted campaign by a small group of people voting one way and skewing the results.

A popular feature on The Wall Street Journal’s site lets readers decide whether they want to see only those comments posted by subscribers, on the theory that the most dedicated readers might make for a more serious conversation.

A few news organizations, including The Times, have someone review every comment before it goes online, to weed out personal attacks and bigoted comments. Some sites and prominent bloggers, like Andrew Sullivan, simply do not allow comments.

Some news sites review comments after they are posted, but most say they do not have the resources to do routine policing. Many sites allow readers to flag objectionable comments for removal, and make some effort to block comments from people who have repeatedly violated the site’s standards.

If commenters were asked to provide their real names for display online, some would no doubt give false identities, and verifying them would be too labor-intensive to be realistic. But news executives say that merely making the demand for a name and an e-mail address would weed out much of the most offensive commentary.

Several industry executives cited a more fundamental force working in favor of identifying commenters. Through blogging and social networking sites like Facebook and Twitter, millions of people have grown accustomed to posting their opinions — to say nothing of personal details — with their names attached, for all to see. Adapting the Facebook model, some news sites allow readers to post a picture along with a comment, another step away from anonymity.

“There is a younger generation that doesn’t feel the same need for privacy,” Ms. Huffington said. “Many people, when you give them other choices, they choose not to be anonymous.”

this article first published here: http://www.nytimes.com/2010/04/12/technology/12comments.html

July 15, 2011

the work of art in the age of blogging

Filed under: art,blogging,kagagallery — ABRAXAS @ 8:44 pm

something strange happened to me
i find it impossible to believe in the art object any more
only web art is real to me
art objects seem like cheap simulacra of art
paintings, sculptures, things
all have a sordid, played out quality
only web art excites me
only web based interventions seem meaningful
what happened to reality?

aryan kaganof

on the kagablog

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 8:27 pm

Herewith some extra information regarding the KAGABLOG.

1. The blog as REVIEW

South Africa lacks a comprehensive REVIEW for all that happens in the cultural field. Although their are intermittent reviews of cultural activities in the newspapers, these are only of the most mainstream events. Specialist publications like Art South Africa on the other hand, are published only every few months and therefore are not able to respond to the prolificity of events happening in the country.

The Kagablog will function as a DAILY review. Fine art, music, books, poetry, cinema, theatre, architecture – all cultural fields will be reviewed. CROSS POLLINATION is the key to the reviewing principle. Nothing more deadly than the so-called “experts” whose knowledge is confined to the disciplines they have studied. Kagablog will invite poets to review buildings, architects to review ballet, philosophers to review poetry, choreographers to review sculpture.

The principle behind Kagablog is that CULTURE is only healthy when it is NORMAL. In our country culture is still seen as an aberration, a necessary evil. Cultural practitioners for this reason very often know nothing about other cultural forms outside of their discipline. It is so extremely hard in South Africa for artists, musicians, poets etc to survive, to make a living, that they are often entirely single-minded in their purpose and unable to think and work in a more laterally directed way.

A reviewing culture is essential for a national culture to grow, to MATURE.

(For the potential funder/sponsor : in a mature culture consumers SPEND a much higher percentage of their monthly income on cultural activity and cultural product. The REVIEW encourages its audience to participate in a culture of opinions. Opinions are obtained by the audience buying in to the pool of culture that is being reviewed, with obvious benefits for the sponsor/funder.)

2. The blog as GALLERY

Individual artists, poets, musicians, film makers, writers etc have the opportunity to utilize the blog as a gallery space. The daily feed mixes all the incoming material into a generalized cultural collage, while the individual contributor pages allow for a vertically channelled gallery experience focusing on one contributor’s own work.

Funders/sponsors can choose to support individual pages on the blog, for example a poet’s publisher can imprint their logo on his/her page only; or a gallery can support a particular fine artist’s page whilst not been associated with the daily blog feed.

3. The blog as MEDIUM SPECIFIC phenomenon.

Unlike most web-based magazines and journals, that tacitly borrow their format from the print media; KAGABLOG does not follow a periodical issuing of print. It is not monthly or even daily – it is continuous. A feed of culture that does not stop! This continuous feeding aspect of the blog allows for an extraordinary dynamic to develop between blog readers and the content of the blog. Comments pages are lively and encourage vigorous, lively debate. South African cultural discourse never had it so good!

aryan kaganof

May 7, 2011

deon-simphiwe skade is writing a novel on his mobile phone

Filed under: blogging,deon skade,mobile filming,new media politics (k3) — ABRAXAS @ 4:38 pm

keep reading on deon’s blog

May 4, 2011

http://www.expressimpress.org/ – an excellent blog

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 6:34 pm

http://www.expressimpress.org/

February 6, 2011

nathaniel stern on art blogging in south africa

Filed under: art,blogging,nathaniel stern — ABRAXAS @ 11:22 am

January 1, 2011

kagablog wishes all its readers a happy new year

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 5:06 pm

September 19, 2010

the most beautiful daily art blog on the web

Filed under: art,blogging,susanne giring — ABRAXAS @ 11:58 pm

http://susannegiring.com/

warning to all kagablog users: base64 virus threatening…

Filed under: blogging,joel assaizky — ABRAXAS @ 4:57 pm

basically this same hack is affecting lots of sites.. it tries to redirect users to other sites that will download malware on a persons computer, malware can collect personal information, email addresses, passwords, bank details etc.. basically the hackers cast a wide net hoping to catch some unwary schlub.

mostly russian and chinese in origin, and specifically with the type of hack affecting the block.. the BASE64 virus.

i’ve cleared it all out, but it might recur… trying to find ways to fortify the server.
joel assaizky

if you get any strange messages while viewing the blog please let me know, but everything should be fixed now.

August 27, 2010

Il movimento dei poeti-bloggers nel Sudafrica del post-apartheid

Filed under: blogging,dye hard press,raphael d'Abdon — ABRAXAS @ 12:02 am

Le civiltà dell’Africa del Sud hanno sempre affidato ai poeti/cantastorie, alle loro performance poetiche orali, non solo il compito di tramandare storie, miti e leggende del passato ma anche quello, altrettanto urgente, di sottoporre a critica i problemi contingenti delle proprie comunità.

Sia durante le invasioni coloniali che nei decenni più recenti del regime dell’apartheid la poesia ha continuato a giocare un ruolo importante nelle varie lotte anti-coloniali dei popoli sudafricani e la Parola che risuonava in ambito teatrale, nei cortei politici, nei funerali, nei comizi è stato uno degli strumenti decisivi sia per catalizzare l’attenzione delle comunità sulle forme di oppressione cui esse erano soggette, sia per costruire collettivamente concrete pratiche di resistenza e liberazione.

“Il poeta ha esplorato diversi linguaggi: dalla protesta alla resistenza, dalla liberazione alla celebrazione. E oggi nuovamente, nell’attuale scenario socio-politico, il poeta passa ancora una volta dalla celebrazione alla protesta, dall’autoaffermazione alla sfida, alla disillusione nei confronti del nuovo ordine costruito sull’avidità, sul clientelismo e sulla corruzione”. Con queste parole Zakes Mda, uno dei più grandi romanzieri sudafricani, saluta la nascita della nuova generazione di cantori della poesia orale (o spoken word artists) formatasi culturalmente nella fase del cosiddetto post-apartheid, focalizzando ancora una volta l’attenzione sul loro potenziale di rottura all’interno dello scenario politico-culturale della nuova nazione.
Appropriandosi delle opportunità che la tecnologia offre loro (oltre che delle tradizionali forme di linguaggio poetico orale), questa comunità di spoken word artists ha oggi iniziato a servirsi di nuovi strumenti comunicativi, tra i quali giocano un ruolo centrale i siti web e i blog. Il movimento dei bloggers è in continua crescita e i vari fora e le communities in rete si stanno affermando come spazi fondamentali nel dibattito che anima le comunità dei giovani artisti urbanizzati. In essi i poeti si interrogano sulla situazione attuale della poesia e dell’arte in generale, così come sui temi che stanno al centro del dibattito politico nazionale ed internazionale. Alcuni di questi blog sono dei veri e propri punti di riferimento per la comunità artistica urbana del “Nuovo Sudafrica” e rappresentano una nuova frontiera culturale che va tenuta in considerazione ed analizzata se si vuole avere un quadro completo della situazione letteraria, artistica e politica del paese. Il presente saggio si prepone di fornire un quadro delle caratteristiche di alcuni blog animati da spoken word artists sudafricani e del ruolo che essi giocano nella costruzione di quella che è stata definita la “cultura del post-apartheid”.

Alcuni blog curati da poeti del post-apartheid e un case-study: “Kagablog” di Aryan Kaganof

L’avvento della democrazia nel 1994 e il diffondersi quasi contemporaneamente delle nuove tecnologie associate ad internet sono due tra i fattori (tra l’altro strettamente correlati) che hanno avuto ed hanno un peso determinante nella costruzione di quella che viene comunemente definita “la cultura del post-apartheid”. Da un lato infatti il nuovo regime democratico subentrato all’apartheid ha garantito agli artisti (ma non solo) quella libertà di espressione che, per ovvie ragioni, veniva loro preclusa durante i decenni della dittatura razzista; dall’altro lato gli stessi artisti, nel nostro caso i poeti, hanno saputo usufruire di queste opportunità per creare spazi di riflessione, dibattito e creatività (tra i quali siti web e blog), all’interno dei quali ragionare individualmente e collettivamente sui dilemmi del proprio presente. Per non rischiare di cadere in visioni essenzialistiche della realtà, bisogna fin da subito chiarire come la società sudafricana era e resta una società prevalentemente agricola, e che le tendenze che verranno analizzate in questo articolo non interessano la maggioranza degli abitanti del paese, ma solo una realtà ben specifica, ovvero quella dei giovani artisti dei grandi insediamenti urbani (Johannesburg, Pretoria/Tshwane e, in misura minore, Città del Capo e Durban). Questo perché, a qualsiasi livello del dibattito, non bisogna dimenticare le enormi differenze socio-economiche e le diversità culturali ancor’oggi esistenti all’interno delle varie aree geografiche del paese. Ricordato ciò, in questa prima parte si procederà alla descrizione di alcuni blog curati da giovani poeti, nello specifico coloro che fanno parte delle comunità dei cosiddetti spoken word artists urbanizzati. Nella parte conclusiva verrà analizzato più nello specifico il caso di uno dei blog più influenti all’interno di questa comunità ovvero Kagablog del poeta, saggista, musicista e filmaker di Johannesburg Aryan Kaganof.
In uno spazio, come quello virtuale, nel quale per definizione è pressoché impossibile tenere sotto controllo i molteplici oggetti di ricerca che nascono e tramontano quotidianamente, credo sia giudizioso focalizzare la propria attenzione su quelle realtà che hanno dimostrato finora di poter sopravvivere alle sfide del tempo in virtù di un valore intrinseco che le rende qualcosa di più di semplici mode del momento. I blog spuntano infatti come funghi, ma pochi sono, almeno nel contesto qui analizzato, quelli che sono riusciti finora a lasciare un segno si sé nel corso degli ultimi 15 anni. Tra questi ce ne sono alcuni che meritano di essere menzionati perché rappresentano senza dubbio dei punti di riferimento consolidati all’interno del panorama culturale urbano del post-apartheid.
Primo tra tutti, il blog del Timbila Poetry Project, gestito da un collettivo di poeti tra cui il focoso editore Vonani wa ka Bila, June Madingwane e Goodenough Mashego. Un collettivo che dal 2000 ad oggi, oltre a collezionare pubblicazioni cartacee importantissime (che includono i contributi di scrittori del calibro di Don Mattera, Lefifi Tladi, Prof Es’kia Mphahlele, Makhosazana Xaba, Myesha Jenkins, Mbongeni Khumalo e Malika Ndlovu) continua a mantenere aperti stimolanti spazi di confronto nel sito sopra riportato.
Seconda segnalazione è per il blog di BKO, la più importante rivista di poesia orale del paese, edita da Phehello Mofokeng e Andrew Miller, due giovani poeti fondatori, assieme all’artista Robyn Field, della Unity Gallery. La Unity Gallery è un hub situato nel cuore di Johannesburg, autofinanziato e nato per offrire spazi e strutture a giovani artisti dei quartieri popolari della regione del Gauteng. Oltre a pubblicare BKO, ad animare l’omonimo blog e ad offrire opportunità a giovani artisti provenienti dal mondo della poesia, musica, pittura, fotografia e scultura, il collettivo della Unity Gallery ha da poco fondato la casa editrice Ge’Ko, la quale si sta già affermando come un punto di riferimento per gli scrittori emergenti del panorama nazionale. Uno tra i poeti pubblicati da Ge’ko, pur non essendo giovanissimo, è Mario d’Offizi, figlio di emigrani italiani e irlandesi e autore della commovente autobiografia Bless Me Father (2), oltre che curatore del blog Mariowana.
Il terzo sito rilevante è quello gestito dal collettivo femminile Young Basadzi Project che, come recita la homepage, “promuove i migliori lavori di giovani donne sudafricane che celebrano il loro splendido patrimonio culturale”. Quello di Basadzi è un caso affascinante perché, dopo lo scioglimento del pioneristico quartetto Feelah Sista, rimane l’unica esperienza significativa di collettivo di spoken word artists esclusivamente femminile, esperienza culminata tra l’altro anche nella pubblicazione dell’antologia Basadzi Voices (3).
Ultimo blog in questa lista selezionata e necessariamente incompleta è quello dello spoken word artist Kojo Baffoe. Autore di due antologie di poesia (Voices In My Head e And They Say: Black Men Don’t Write Love Poetry), Baffoe è un’artista fine, che gode di una grandissima stima sia tra i colleghi che nei circoli letterari nazionali e internazionali, tanto che, in qualità di poeta freestyle, fu invitato a rappresentante il Sudafrica in un tour chiamato Hammer and Tongue Four Continents Poetry Slam svoltosi nel Regno Unito Novembre e Dicembre 2006. Per queste ragioni, e per la credibilità guadagnata “sul campo” come organizzatore di eventi, educatore e produttore sia di altri poeti che di musicisti locali, Baffoe, con il suo blog, si presenta come una delle personalità di riferimento per chi vuole conoscere il panorama culturale urbano di Mzansi.
Terminata questa rapida carrellata di alcuni dei blog più significativi all’interno del panorama poetico/letterario nazionale, passerò ora ad analizzare più nel dettaglio il caso relativo ad un blog che, proprio nei giorni in cui sto scrivendo questo articolo, è al centro di un caso di cronaca piuttosto spinoso.
Uno dei luoghi di produzione di cultura (ma soprattutto controcultura) più intriganti, frequentati e per certi versi… controverso nello scenario urbano sudafricano contemporaneo è certamente il blog di Aryan Kaganof. Artista eclettico residente a Johannesburg (senza dubbio il centro nevralgico culturale del cosiddetto “Nuovo Sudafrica”) Kaganof da Marzo 2008 ricopre il ruolo di Visiting Professor al New Media Art Department dell’Università di Malmö in Svezia.
“Messo in rete” per la prima volta nel Novembre 2005, e fin da allora gestito dal suo curatore senza alcuna forma di sponsorizzazione né pubblica né privata, Kagablog nasce dalla volontà di Kaganof di creare un forum nel quale scrittori, poeti, artisti, accademici ed esploratori digitali con interessi in differenti campi della cultura potessero proporre i propri lavori. L’obiettivo di fondo fu perciò fin dal principio quello di creare uno spazio culturale che – a differenza di quanto accade nei mass media e nel panorama editoriale ufficiale – non fosse mosso da logiche di mercato, e i cui confini non fossero determinati dalla ricerca del profitto. Spazio liberato dalle gabbie della logica profit-oriented Kagablog è così divenuto in questi anni un catalizzatore delle nuove tendenze artistiche/estetiche/politiche del paese, sia per ciò che riguarda il suo contenuto, sempre teso alla ricerca di nuovi linguaggi, sia in quanto community nella quale potersi esprimere senza tenere necessariamente in considerazione le aspettative del lettore.
La formula sulla quale si basa Kagablog è molto semplice: una volta individuati artisti dei quali si ammira, rispetta o ama il lavoro, li si invita a partecipare al blog come contributors. Una volta messa in marcia la collaborazione non esiste nessuna forma di censura editoriale: ciò getta le basi per uno spazio comune nel quale lavorare secondo criteri di libertà creativa diametralmente opposti rispetto a quelli vigenti nei mass media, che al contrario agiscono con l’unico obiettivo di raggiungere bilanci in attivo a fine anno.
In un paese in cui la diffusione di banda larga è limitata esclusivamente ad alcune aree circoscritte, ed internet una risorsa disponibile quasi solo per la nuova borghesia urbanizzata, Kagablog è riuscito comunque a mantenere finora un alto numero di visitatori e contibutors. È stato stimato (www.kaganof.com) che tra Novembre 2007 e Febbraio 2008 il blog abbia avuto più di 250.000 visitatori al mese, cifre che hanno cominciato a calare nei mesi successivi per la sola ragione che Kaganof, come riportato sopra, da marzo 2008 risiede in Svezia e pertanto, secondo sue parole, al momento non riesce a dedicare al blog “l’attenzione che questo richiede” (4).
Di questi visitatori almeno la metà risiede nell’area dell’Africa del Sud, mentre una fetta consistente dei rimanenti fruitori proviene dagli Stati Uniti, dall’Olanda e da altri paesi europei.
Basta scorrere l’indice della homepage per accorgesi di come Kagablog abbracci uno spettro molto ampio di discipline: musica, arte, fotografia, poesia e spoken word, fiction, cinema, ecc. Non esistendo pubblicazioni con una tale struttura multi-interdisciplinare risulta facile intuire come la distribuzione non-cartacea caratteristica della rete da un lato contribuisca a colmare un vuoto culturale, dal’altro allarghi considerevolmente la potenziale base dei fruitori. Oltre a ciò va sottolineato come uno dei fattori fondamentali di un blog pluriversale come Kagablog è che anche chi ci si avvicina mosso da interessi disciplinari specifici, finisce inevitabilmente con l’aprire la propria esperienza intellettuale ad altri campi dell’arte e del sapere. Visto solo tale ottica il blog si identifica quindi come un luogo d’indagine e ricerca privilegiato per chi vuole emanciparsi dall’eccessiva parcellizzazione del sapere e porre al centro della propria attività di artista, ricercatore, ecc. il superamento delle rigide ed artificiose barriere disciplinari e metodologiche che solitamente tengono separati i vari campi della conoscenza.
La scelta di strutturare il blog in siffatta maniera nasce ancora una volta dall’esigenza da parte di Kaganof di creare uno spazio comunicativo alternativo ai mass media. Il fatto che tutti i principali mezzi di comunicazione di massa in Sudafrica siano gestiti secondo logiche di puro profitto pone infatti l’artista di fronte ad un enorme problema che riguarda niente meno che la stessa libertà d’espressione. Nel contesto mediatico ed editoriale mainstream del post-apartheid infatti (e questo è e sarà uno dei problemi precipui della nuova democrazia sudafricana) il concetto di “libertà di parola” coincide con quello di “libertà di promuovere ciò che viene distribuito nei circuiti ufficiali della stampa e della televisione”(5). Il blog nasce come una risposta a questa situazione di ghettizzazione del sapere all’interno di un circuito non-inclusivo, congiuntamente all’obiettivo di rendere disponibile alla comunità l’insieme variegato di proposte, tendenze ed innovazioni artistiche risultanti dall’incontro di contributors con background culturali eterogenei.
Al momento ci sono circa 90 contributors che regolarmente intervengono negli spazi di Kagablog. Sebbene la stragrande maggioranza di essi risieda in Sudafrica non mancano contributors di altri paesi, in particolare europei (Francia, Olanda, Germania). Va da sé che, com’è ovvio in base a quanto detto finora, il blog rimane aperto a chiunque voglia parteciparvi, indipendentemente dalla provenienza geografica.
Il rischio generato da tale “contaminazione” – se così vogliamo chiamarla per usare una terminologia propria della postcolonialità – è che blog e/o riviste indipendenti come Kagablog o Chimurenga (6) possano in certi momenti rischiare una deriva “eurocentrica”, correndo il pericolo, a lungo termine, di finire con il posizionarsi al di fuori del contesto culturale sudafricano.
Queste critiche, mosse a più riprese da chi giudica con sospetto esperienze come Kagablog, sottendono una visione viziata da provincialismo, parrocchiale, del contesto sudafricano urbano contemporaneo. Come tutti gli altri blog e siti web Kagablog vive infatti nel mondo transnazionale, s-confinato della World Wide Web, e non in quello politicamente e storicamente territorializzato dello stato sudafricano. Ciò fa di Kagablog una realtà al medesimo tempo globale e locale. Il fatto che la stragrande maggioranza dei contributors viva nel contesto geografico sudafricano fa si che il blog abbia notevole rilevanza per coloro che si interessano esclusivamente del panorama artistico e culturale della regione. Ciononostante non pare azzardato affermare che in un epoca nel quale, grazie proprio alla rete, l’incontro e l’intersezione di/tra linguaggi tra essi anche molto lontani mette a disposizione del navigatore un patrimonio di idee e testimonianze pressoché infinito, sia limitativo fossilizzarsi in maniera esclusiva su temi e argomenti di rilevanza puramente localistica.
Più che un tentativo di “europeizzare” il dibattito, quel che al contrario traspare da Kagablog è la volontà costante di proporre e promuovere lavori di ottima qualità e soprattutto provocatori e critici nei confronti del decadente panorama socio-politico sudafricano e mondiale. Questi, più che criteri di appartenenza territoriale, sono i parametri di giudizio utilizzati da Kaganof per definire e ridefinire costantemente l’estetica generale del proprio blog.
Un’attitudine critica nei confronti dello status quo che non ha tardato ad attirare le attenzioni dei gelosi custodi della “cultura ufficiale”, degli inquisitori della “proto-censura di stato” che chi scrive ha già avuto modo di denunciare in precedenza (7). È notizia di questi giorni infatti, documentata nello stesso Kagablog (8), che il sito sia stato ufficialmente messo al bando dalla SABC, ovvero la compagnia televisiva nazionale sudafricana (controllata, esattamente come accade in Italia per la RAI, dal potere politico). Pur rimanendo ignoti i reali motivi che hanno spinto a mettere in atto la censura, tale notizia non stupisce, dal momento che già in altre occasioni la longa manus dell’ANC, il partito al potere in Sudafrica, si era spinta fino a censurare apertamente soggetti considerati “pericolosi” e “sovversivi”, uno tra tutti il sociologo Ashwin Desai, autore di un opera seminale sul post-apartheid come We are The Poors. Community Struggles in Post-Apartheid South Africa, (tradotto in Italia nel 2003 da DeriveApprodi con il titolo Noi siamo i poveri. Lotte comunitarie nel nuovo apartheid (9)).
Per tornare ai contenuti di Kagablog, credo si possa in tutta tranquillità affermare che, in maniera forse più incisiva di altri blog animati da poeti sudafricani, esso riflette il nuovo atteggiamento nei confronti dei media e soprattutto degli alternative media che si sta lentamente ma progressivamente affermando tra le avanguardie artistiche e politiche del paese. Un movimento che concepisce l’arte, la poesia o qualsiasi discorso critico non più in termini di confini nazionali e/o regionali, ma con occhi, orecchie e cuore sensibili alla percezione di stimoli di più ampio respiro. In altre parole, l’obiettivo non viene più focalizzato esclusivamente sulle regionalità coloniali del pensiero, ma nemmeno su quelle, neutralizzate dalla storia, di natura postcoloniale. Posto in questi termini Kagablog si configura come uno spazio del pensiero collettivo che si posiziona (e in ciò a mio avviso risiede la sua portata rivoluzionaria) sia fuori dal pensiero coloniale che da quello – ad esso oggi filosoficamente attiguo – post(neo)coloniale, entrambi, operanti all’interno di cornici teoriche che, seppure in forme differenti, non prevedono alternative al predominio del mercato e al modello di organizzazione sociale capitalista.
E il futuro cosa tiene in serbo per i bloggers? Oggi il livello di penetrazione di internet in Sudafrica si aggira attorno al 7% della popolazione totale, ma questa percentuale continua a crescere in maniera progressiva e costante. Questo lascia intendere che nel giro di pochi anni la situazione sarà radicalmente differente e molte più persone saranno in grado di fruire di documenti online. Anche se tra stampa e accademici conservatori esistono sacche di resistenza nei confronti dei blog, reputati spazi di pubblicazione non degni di rispetto, non vi è dubbio che in futuro la produzione di cultura passerà sempre di più attraverso la rete. Riguardo a questo passaggio storico Kaganof ha le idee ben chiare:

Le uniche cose che vengono prese sul serio in Sudafrica sono l’alcol, il calcio, il rugby e il cricket. Non posso permettere che il mio lavoro sia costretto entro le mediocri opinioni del mercato. L’unica cosa importante è che io reputo il blog un mezzo serio, che tu lo reputi un mezzo serio e che i contributors e i lettori lo considerano un mezzo serio. (10)

La diffusione del blog come mezzo di fruizione non determinerà inoltre, come molti detrattori all’interno dell’establishment sostengono, che i blog soppianteranno le pubblicazioni cartacee tradizionali. Al contrario, potrebbero salvarle dal declino che stanno attraversando. A tal riguardo Kaganof sostiene:

La crisi del mercato editoriale non ha niente a che vedere con i blog. La causa va piuttosto ricercata nell’eccessivo numero di libri che vengono pubblicati. Toppi libri vengono scaraventati sul mercato, con la speranza che qualche titolo s riveli un successo commerciale. Ci troviamo di fronte ad una grande fiera, e per le gente, per i lettori è stressante stare al passo. Questa è la ragione per cui la gente si chiude in sé stessa, cercando rifugio nei classici, in ciò che già conosce, nella fiction di genere. Perché è semplicemente impossibile leggere tutti i libri che inondano gli scaffali delle librerie.(11)

La verità di fondo che soggiace le parole sopra riportate è che il blog come strumento d’informazione (e contro-informazione) non invade il territorio delle pubblicazioni cartacee, per il semplice motivo che è una realtà da esso totalmente distinta. Al contrario, sempre secondo Kaganof:

[s]e esiste qualche relazione tra le due realtà credo che il blog possa stimolare all’acquisto dei libri. Questo perché il blog mette a disposizione dei fruitori una gran varietà di voci critiche e innovative che scrivono mossi da passione, a differenza di quanto accade con gli “opinionisti” istituzionali i quali al contrario scrivono dalle posizioni logore del potere e autorità costituita. Le pubblicazioni online stimolano la gente ad acquistare libri. Lo stesso fenomeno accade nell’industria musicale. In un certo senso la “fine” dei libri stampati è già stata decretata con la soppressione delle piccole librerie specialistiche e l’usurpazione delle vendite dei libri come mero oggetti di consumo da parte delle catene di supermercati che svendono le opere al pubblico. “Paghi uno, compri due,”, proprio come con le scatolette di fagioli (12).

*

Articolo pubblicato in “Aut Aut”, Altre Afriche, n. 339, luglio-settembre 2009, pp. 195-208.

**

Note

1. Mda, Z., Prefazione a: I nostri semi – Peo tsa rona. Poeti sudafricani del post-apartheid, d’Abdon, R. (ed.), Mangrovie, Napoli, 2007, p. 12.
2. d’Offizi, M., Bless Me Father, Ge’ko, Johannesburg, 2007.
3. Basadzi Voices, Mokhosi, R. (Ed.), University of Kwa Zulu-Natal Press, Scottsville, 2006.
4. Alcune parti del presente articolo sono tratte da un intervista di Gary Cummiskey ad Aryan Kaganof in corso di pubblicazione. Editore indipendente della Dye Hard Press, Cummiskey e a sua volta animatore del’omonimo blog di poesia e letteratura dyehard-press.blogspot.com. Ringrazio Cummiskey e Kaganof per il materiale messomi a disposizione.
5. Sull’argomento si veda anche la mia recensione al romanzo Coconut della sudafricana Kopano Matlwa in: “Il Tolomeo”, fascicolo 1, XI, 2008 e Molebatsi, N., Mzansi’s poets through mass media lenses in “Rhodes Journalism Review”, n. 27, September 2007, pp. 72-73.
6. Tradizionalmente,”chimurenga” o “bongozozo” è una parola in lingua Shona propria del contesto zimbabwano che significa “lotta” o piuttosto “lotta popolare”. Negli ultimi tempi il significato del vocabolo si è andato estendendo fino a descrivere le lotte per i diritti umani, la dignità politica e la giustizia sociale e perfino uno stile musicale, la Chimurenga music, genere di musica popolare reso famoso dall’artista Thomas Mapfumo. In Sudafrica Chimurenga è il nome di una rivista cartacea“cult” con base a Città del Capo, fondata ed edita dal camerunense Ntone Edjabe, che si basa sugli stessi principi di inter-intradiscipliarietà caratteristici di Kagablog. Della stessa rivista esiste una versione online consultabile al sito: qui.
7. Si veda l’introduzione a d’Abdon (2007), op..cit., pp. 28-36.
8. Si veda http://kaganof.com/kagablog/2008/05…; e: http://kaganof.com/kagablog/2008/06… . Consultati l’08/06/2008.
9. Nel 1996 ci fu uno sciopero di natura per così dire “insurrezionale” alla ora defunta University of Durban-Westville, dove Desai insegnava. Mandela, allora Presidente, nominò una commissione d’inchiesta che raccomandò il licenziamento dei leader dello sciopero, al quale seguì da parte dell’università l’annuncio di licenziamenti di massa che avrebbero distrutto ogni rappresentanza sindacale nel campus. Per evitare ciò Desai e altri accettarono di assumersi ogni responsabilità, si dimisero e accettarono di essere esclusi dall’ateneo. Il divieto contro Desai fu rimosso nel 2003, ma nel 2004 UDW si fuse con la University of Natal/Durban per dare vita alla attuale Universty of Kwa Zulu-Natal, il cui rettore, il filo-mandeliano Prof. Makgoba, a fronte del fatto che Desai aveva fatto domanda di finanziamenti per fare ricerca nel campus, impose all’università di non considerare tale domanda, sostenendo che il licenziamento del 1997 fosse ancora in vigore.
10. Intervista di Cummiskey a Kaganof (v. nota4).
11. Ibid.
12. Ibid.

first published here

August 26, 2010

gary cummiskey on the blogging phenomenon

Filed under: blogging,dye hard press — ABRAXAS @ 8:54 am

August 2, 2010

From Samizdat to Twitter: How Technology Is Making Censorship Irrelevant

Filed under: blogging,censorship,new media politics (k3) — ABRAXAS @ 8:44 am

by peter kirwan

To understand what the web has done for free speech, it’s necessary to think about how Natalya Gorbanevskaya and her fellow dissidents produced 65 issues of the samizdat publication Chronicle Of Current Events in the Soviet Union between 1968 and 1983.
Censoring the web poses a significant challenge to authoritarian rulers everywhere, and often involves fine-grained judgment calls.

The Soviet state controlled access to printing presses and photocopiers. So when it was time to publish, Gorbanebskaya would tap out six identical copies of Chronicle on a controband typewriter. Next, she distributed these editions to six friends, who would, in turn, type out further copies before distributing them to additional readers.

Distribution was slow and extremely risky. Like dozens of others involved in the production of Chronicle, Gorbanevskaya was arrested by the 9th Division of the Fifth Chief Directorate of the KGB, which was specifically charged with rooting out samizdat. In 1969, she was diagnosed as a schizophrenic and confined to a mental hospital for three years.

Today, there are only two countries in the world where censorship-induced paralysis exists on anything like a comparable scale: Burma and North Korea. Everywhere else, the terms of trade between free speech and censorship have improved since the Cold War.

Technology has been responsible for most, perhaps all, of this improvement. Behaving like water, information on the web always seeks the largest possible audience. In doing so, it continues to exert pressure on the adamantine surface of oppression.

The experience of Iran suggests that the results can be significant. The Berkmann Center for Internet and Society at Harvard University suggests that 35,000 regularly-updated blogs are written in Arabic worldwide. Yet a separate Berkmann study suggests that as many as 70,0000 active blogs are written in Farsi.

According to Technorati, the lingua franca of the Islamic Republic of Iran — spoken by an estimated 75m people worldwide — ranks among the web’s top 10 most popular blogging languages.

“If you look around the Arab world,” one member of Dubai’s digerati told me during a visit to the emirate last week, “you’ll see that blogging and social media is taking off fastest where repression is most severe.”

It’s also true that censoring the web poses a significant challenge to authoritarian rulers everywhere. Unlike the Soviet drive to wipe out samizdat publishers, it often involves fine-grained judgment calls.

The Chinese government, for example, recognizes that the web can keep its citizens entertained (and therefore quiescent). It also recognizes that web access — and the accompanying access to ideas and inspiration — is an indispensable driver of economic growth. Under these circumstances, deciding what to censor can become difficult and expensive.

In many cases, the playing field is more level than it was for Natalya Gorbanevskaya. Measures call forth counter-measures. In Beijing, on 15 June, for example, 2.3m soldiers in the People’s Liberation Army were banned from blogging. Yet in Paris, ten days later, the advocacy group Reporters Without Borders set up a virtual private network designed for journalists, bloggers and dissidents who wish to evade eavesdropping.

In addition, it’s nice to imagine — as Clay Shirky did last week at the Guardian’s Activate conference — that dissidents hold a trump card: the absence of hubris. Power tends to make rulers “certain of what will happen next”, said Shirky. As a result, rulers “try fewer things” than dissidents, who excel in terms of creativity. Meanwhile, as Shirky argues, “the wiring of the population” is “complete to the first degree”. Even North Korea has a mobile phone network.

But what happens when information, like water, does its work? What happens when barriers to free expression come crashing down?

Westerners typically envisage free expression being accompanied by profound political consequences. From the English Civil War to the French Revolution, the model for this kind of transition feels deeply familiar.

But is this model applicable everywhere? What, for example, will happen when the voices on the other side of content-filtering walls become too loud in a place like Dubai?

A US-friendly emirate in a strategic location, Dubai’s social and cultural norms are rooted in the past. Everything else about the city, including its rampant consumerism, is predicated upon fast-forwarding to the century’s end.

Like governments everywhere, Dubai’s government operates in the present tense. Not surprisingly, perhaps, it’s described by the OpenNet Initiative as an “extensive” censor of the web. The authorities block any web site deemed to be “inconsistent” with the government’s “religious, cultural, political and moral values”.

In practice, this means difficulties for sites that specialize in nudity, sex, dating, gambling, religion, alcohol, drugs, anonymizer tools and VoIP applications. For its part, traditional media censors itself, wary of selective enforcement of draconian laws.

The society on which bloggers and journalists pass comment rests on a series of significant fault lines. In a city of 1.7 million , for example, four out of five inhabitants are migrant workers, many of whom live in conditions described by Human Rights Watch as “less than human”.

At street-level, Dubai is a city of Pakistanis, Indians, Chinese and Iranians. Only in comfortable air-conditioned offices and hotels does the emirate suddenly become Arabic. When wealthy local women go shopping, indentured servants trail behind them, carrying their bags. The glittering shopping malls they patronize are studded with prayer rooms for spiritual contemplation.

To western eyes, the contradictory feudalism of Dubai is disorienting. Last week, a taxi driver from Peshawar who drove me around the city hinted at the tensions that exist beneath the surface. “The locals are good for only three things,” he told me dismissively. “They eat, they sleep and have sex.”

You won’t hear such criticism of Dubai’s ruling class on the airwaves or in print. Yet technology enables their expression around the fringes of public life. James Piecowye, an expat Canadian who hosts a radio talk show in Dubai, tells a story that captures the fragility of censorship in a society that isn’t accustomed to speaking its mind.

Recently, Piecowye was talking live, on air, about “something that couldn’t be said” because of the emirate’s media laws. At this point, he received a text message from a listener that read as follows: “We know what you’re trying to say, so why don’t you just SAY it!!”

Dubai isn’t a failed state, or a famine-wracked totalitarian basket case. Among those born in the emirate, life expectancy is 78 years. Slightly less than 90 percent of the local population can read and write. Yet the natives of Dubai live their long and literate lives in a society where public debate is frequently non-existent.

In places like this, much the web’s leveling work remains to be done, with consequences that remain unpredictable.

this article first appeared on wired.com

July 5, 2010

new dave chislett blog

Filed under: blogging,dave chislett — ABRAXAS @ 8:46 am

A bit of a late starter on the whole blogging thing, I eventually climbed on board in 2006 and created The Chiz, a blogging space dedicated to my take on SA culture, street level style.

Mostly about music and books, it was a series of reviews, interviews, rants and gig guides. But after posting 3 times a week for 12 months, I felt I was over it. But now, several years and one career change later, I have started again. The new blog you can find at www.davidchislett.co.za and as you may have guessed, there is no hiding behind persona this time.

The new blog is actually about me and what I am doing. It includes reflections on my creative process, mutterings about work of a pen for hire, and even some tributes to other creative people I know and admire. But mostly it is about creative process, about breaking out of what is often terrible isolation when one is at home alone, just writing.

Of course along the way I’ll be trying to get you to buy my books, pictures, lectures, music, workshops and other random stuff. But only if you really want to. It would be nice if you’d drop in from time to time and say Hi on the comments pages.

So come and check it out:
http://www.davidchislett.co.za/
If in doubt if what you are looking at on the top of the page, click the blog button!

Cheers
David

April 23, 2010

kagablog under attack!

Filed under: blogging — ABRAXAS @ 5:02 pm

dear kagablog readers
unfortunately the kagablog has been invaded by trojans and malware and other hacker-related viruses.
apparently it is 15 year old boys who do this for “fun” because their penises are so tiny they cannot even get a hand around them in order to wank.
so if you are experiencing problems with kagablogging please be patient, joel assaizky the great webmaster is on the case and will be de-coding and un-coding and anti-coding until all traces of these 15 year old (not even) wankers has been removed from the kagablog.
respectfully
aryan kaganof & joel assaizky

April 8, 2010

germaine moolman has started her own blog!

Filed under: blogging,germaine moolman,literature — ABRAXAS @ 1:37 pm

here it is:

would it be possible for you to post the details of my blog for those
of your followers who enjoyed my writing?

www.howistaysane.blogspot.com

March 15, 2010

Filed under: blogging,dick tuinder — ABRAXAS @ 7:45 pm

0130.jpg

Next Page »